Le 20 migliori birre al mondo, secondo chi se ne intende

Forse non lo sapevate, ma il 7 agosto è il World Beer Day, giornata dedicata al “pane liquido”, la bevanda alcolica globale per eccellenza. Per quell’occasione, il sito specializzato Ratebeer.com ha stilato la sua classifica delle venti migliori birre al mondo. Premessa doverosa: si tratta di etichette perlopiù misconosciute, in larga parte statunitensi, tra le quali non ne figura nemmeno una proveniente dall’Italia. Ecco la classifica, in ogni caso, dalla ventesima alla prima posizione. Nota: cliccando su ognuno dei nomi, si accede ai siti ufficiali dei birrifici in questione, caso mai vi andasse di farvele mandare a casa.

20. Afrodisique (Dieu du Ciel) – Canada
Al ventesimo posto c’è una stout, particolari birre amare e molto scure il cui marchio più noto è quello dell’irlandese Guinness. 6,5% di gradazione alcolica è una birra con retrogusto di cacao e vaniglia. Nella brasserie dove viene prodotta, la Dieu du Ciel, a Montreal, Canada, viene servita con delle fave di cacao d’accompagnamento.

19. Saison Bernice (Sante Adairius) – Calfornia, Usa
Una ale fresca e fatta con ingredienti locali di altissima qualità, amarognola il giusto, invecchiata nella sua bottiglia. Sull’etichetta c’è scritto: «La birra in questa bottiglia è viva».

18. Grassroots Brother Soigné (Hill Farmstead) – Vermont, Usa
Ancora Stati Uniti, ma stavolta al freddo, per una birra – guarda un po’ il caso! – creata in collaborazione con Luc Bim Lafontaine, ex mastro birraio della Dieu du Ciel (posizione 20). Lime, ibisco and arance rosse, in questa birra dalla fermentazione mista.

17. Beer Geek Breakfast (Mikkeller) – Danimarca
Un’altra stout, stavolta però – finalmente! – europea. Particolarità di questa birra è che viene consigliato di berla a colazione per le sue note di caffé. Curiosità: è invecchiata in botti di calvados.

16. Citra Single Hop Pale Ale (Hill Farmstead) – Vermont, Usa
Ai nostri amici di RateBeer, le birre della Hill Farmstead piacciono molto. Caratteristica di questa pale ale – molto amara, a quanto dicono – sono i luppoli, che provengono esclusivamente dalla costa nord occidentale. A quanto pare, questa cosa fa la differenza.

15. What Is Enlightenment? (Hill Farmstead) – Vermont, Usa
Rieccoli, per l’appunto, con una delle loro “birre filosofiche”. Questa si chiama “Cos’è l‘illuminismo?” ed è una pale ale creata in occasione del secondo anniversario del birrificio. Toccherà una gira nel Vermont…

14. Westvleteren Extra 8 (Sint-SIxtus Abdij) – Belgio
Questa strong ale prodotta dai monaci trappisti nell’abbazia di Sint-SIxtus lo scorso anno era la migliore birra del mondo, sempre secondo quelli di Ratebeer.com. Ancora in classifica, quindi, ma con un tonfo clamoroso. In ogni caso, una grande birra, prodotta in quantità infinitesime. Solo 4000 barili all’anno.

13. Serendipity (New Glarus) – Wisconsin, Usa
Prima o poi doveva arrivare una fruit ale, altrimenti detta birra aromatizzata alla frutta. La Serendipity, in particolare, è fermentata, con un processo piuttosto particolare, insieme a mele, mirtilli e ciliegie in botti di rovere. Un caleidoscopio della frutta del Wisconsin, come dicono loro.

12. Maple Bacon Coffee Porter (Funky Buddha) – Florida, Usa
Questa porter con un maiale sull’etichetta, prodotta dalla Funky Buddha, birrificio della Florida, è il tentativo ambizioso di ricreare, dentro una singola birra, tutti i sapori della tipica colazione anglo-americana: bacon, per l’appunto, sciroppo d’acero, caffé. A quanto pare, funziona.

11. Grassroots Legitimacy (Hill Farmstead) – Vermont, Usa
Poteva mancare un‘altra birra dei nostri amici del Vermont? No, evidentemente. In ogni caso – spoiler – non è l’ultima che troverete in classifica. Ed è una pale ale che a quanto pare va giù come l’acqua, nonostante i suoi 6,7% di gradazione alcolica.

10. Pliny the Elder (Russian River) – California, Usa
Una birra californiana, che si chiama Plinio il vecchio e che è prodotta dal birrificio Russian River. Un melting pot non male per questa India Pale Ale (Ipa, come la chiamano gli espertoni) da 8 gradi.

Per scoprire la top 10 e continuare a leggere, cliccate qui

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

GOJIRRA®

NASCE DA UN PROGETTO MOLTO AMBIZIOSO, CON UN OBIETTIVO CHIARO: DISTINGUERSI PER QUALITÀ ED UNICITÀ, IN UN SETTORE COSTANTEMENTE IN CRESCITA

Articoli Recenti

Prodotti

Chiudi il menu
×
×

Carrello